Quali sono le caratteristiche degli acquirenti online in Italia

0
1012

Qual è l’identikit degli acquirenti digitali in Italia?

A questa domanda ha risposto Oberlo nel suo ultimo report: vediamo insieme quali sono i risultati più importanti.

Nel corso degli ultimi 12 mesi, sul totale degli acquisti online registrati in Italia, il 58,3% è stato effettuato da uomini mentre il 41,7% è stato concluso da donne.

In confronto con il 2020, la presenza delle donne come acquirenti digitali è aumentata del +29,1%, mentre quella degli uomini è cresciuta del +11%.

Un trend, quello che vede la presenza sempre più massiccia delle donne come consumatrici web, che viene registrato anche in altri Paesi dell’Unione Europea, tanto che l’Italia si posiziona solo al 5° posto in questa particolare classifica, preceduta dal Regno Unito (42,1%), dalla Francia (44,6%) e dalla Germania (45,8%).

L’unico Paese europeo in cui le acquirenti online donne hanno superato gli uomini è la Spagna (51,2% contro 49,8%).

Per quanto riguarda l’età, gli utenti italiani più digitalizzati sono quelli della fascia tra i 25 ed i 34 anni (24,8%), seguiti da quelli tra i 35 ed i 44 anni (23,8%) e dai 45-54 anni (17,8%).

Va però sottolineato che la fascia di età tra i 18 ed i 24 anni (che rappresenta il 16,3% del totale) è quella cresciuta di più nel corso dell’ultimo anno, con un +26,3% rispetto al 2020.

Si tratta di un primato tutto italiano; infatti, il nostro Paese è quello che ha fatto registrare i numeri più incoraggianti rispetto agli acquisti online effettuati da questa fascia d’età, seguita dal Regno Unito (12,6%) e dalla Spagna (7,2%).

Le ricerche online sono sempre più legate al mobile: l’86% dei consumatori web italiani, infatti, utilizza lo smartphone a questo scopo; tuttavia, lo strumento prediletto per acquistare risulta il PC (56%), seguito da smartphone (36%) e tablet (6%).

Il giorno preferito per fare compere sul web è la domenica sera tra le 21 e le 22 (36%), ad eccezione degli utenti tra i 18 ed i 24 anni che, invece, prediligono il lunedì sera (19%).

Nel corso del 2021, la regione con più acquirenti online è risultata il Lazio (16%) seguita a ruota da Lombardia (15%), Puglia (12%), Toscana (10%), Emilia Romagna (8%) e Campania (7%).

I neofiti delle compere web, invece, si trovano soprattutto in Lombardia (17%) ed in Campania (16%) ed appartengono alla fascia d’età 40-55 anni (43%) e 25-39 anni (28%).

Le categorie ed i prodotti più acquistati online nel 2021 hanno riguardato principalmente il mondo dell’elettronica (41,8%), seguita da “moda & accessori” (13,6%), “arredamento & giardino” (10,9%), “salute & bellezza” (10,7%) e “sport & outdoor” (9,7%).

Ma perchè gli italiani comprano sul web?

Secondo il report di Oberlo, la motivazione principale è la comodità legata all’acquisto online (57%), seguito dalla possibilità di avere una scelta di articoli più vasta (56%), trovare prezzi vantaggiosi (47%) e concludere lo shopping in modo più rapido rispetto al negozio fisico (41%).

Allo stesso tempo, i consumatori online italiani comprerebbero più spesso sul web se potessero parlare via chat con il servizio clienti di un e-commerce/marketplace (68%) o se avessero a disposizione tecnologie intelligenti con cui interagire (63%).

Gli e-shop italiani vorrebbero, poi, poter usufruire di altri servizi come il “prova prima e paga dopo” (73%) oppure la possibilità di dilazionare il pagamento, soprattutto per gli articoli più costosi (54%).

Infine, il report rivela che gli italiani sono sempre più consapevoli di ciò che vogliono e di come trovarlo online, motivo per cui sono diventati molto più esigenti rispetto a prima.

Infatti, il 45% abbandona subito un canale web se non ha una buona usabilità o se il processo di acquisto è poco chiaro/fluido (42%)

Tra le caratteristiche principali ricercate in un’esperienza di shopping online spicca una descrizione del prodotto completa ed esaustiva (50%), la presenza di recensioni di altri clienti (46%), la semplicità della fase di check-out (45%), la gestione dell’ordine e della consegna (36%) e la presenza di filtri o della barra di ricerca per avere informazioni mirate sui prodotti (31%).

Di conseguenza, le motivazioni principali che spingono un utente italiano ad abbandonare un processo di acquisto sul web già in atto sono il disinteresse nei confronti del prodotto (28%) l’impossibilità di effettuare il reso (12%) ed una procedura di pagamento/restituzione articolo espressa in maniera nebulosa ed ambigua (11%).

Infografica

Articolo precedenteCome acquistano gli italiani sul web
Articolo successivoCom’è cresciuto il settore della vendita online in Italia

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui